Gilda –FGU: trasparenza, reale Federalismo e partecipazione

Assemblea Nazionale Gilda del 22-23 marzo sul Bilancio
di Gianluigi Dotti

05 Maggio 2014 (3.9 MiB, 1264 downloads)

Lo Statuto della Gilda degli Insegnanti, all’art. 10, a garanzia di una reale trasparenza sui conti del sindacato prevede tassativamente che l’Assemblea nazionale dei delegati provinciali, organo sovrano dell’Associazione, discuta e approvi ogni anno sia il bilancio consuntivo sia quello preventivo. Per questo motivo, anche quest’anno, nel penultimo fine settimana di marzo i delegati di ogni provincia della Gilda degli Insegnanti si sono riuniti in Assemblea nazionale a Roma.

L’Assemblea nazionale, nella sessione nella quale approva i bilanci, deve:
1) verificare la contabilità del sindacato per l’anno trascorso (bilancio consuntivo);
2) deliberare le scelte per l’utilizzo delle somme disponibili nel bilancio preventivo. In particolare deve indicare quali sono le scelte prioritarie di spesa dell’Associazione, scelte che ricadranno su tutte le attività promosse dal sindacato.
Per questo, anche quest’ anno, nell’Assemblea nazionale, il Tesoriere nazionale, acquisiti il parere della Direzione nazionale e il resoconto dei Revisori dei conti, ha illustrato ai delegati la relazione annuale sui bilanci. In questo modo i delegati provinciali hanno tutte le informazioni necessarie per verificare i conti e per assumere le decisioni necessarie.

Il capitolo delle entrate nel Bilancio
Le entrate nel bilancio della Gilda degli Insegnanti sono esclusivamente composte dalle quote versate dagli insegnanti iscritti all’Associazione, cioè da tutti noi. La Gilda degli Insegnanti non riceve neppure un euro di fondi pubblici da parte dello Stato non gestendo direttamente nessun CAF nè percependo quote di finanziamento pubblico per la stampa o altro.
Questa autonomia finanziaria difesa con orgoglio dall’Associazione, ci permette di essere sempre coerenti con le nostre idee e liberi nella critica verso chiunque: ministri, partiti politici, Amministrazione.

Il capitolo delle uscite nel bilancio
Le uscite del Bilancio consistono nella restituzione del 75% delle somme, versate dagli iscritti in ogni singola provincia, alle rispettive Direzioni provinciali delle Gilde che abbiano una sede, con regolare contratto di affitto. Quando non vi sia le sede, la percentuale restituita scende al 60%.

Questa opzione, deliberata a suo tempo dall’Assemblea nazionale, fa della Gilda degli Insegnanti un esempio di vero e reale federalismo, perchè le somme versate dagli iscritti ritornano in gran parte proprio nei territori dove vengono utilizzate secondo criteri definiti da ogni provincia.

La restante somma, cioè il 25%, che serve a far funzionare la struttura nazionale, del resto molto leggera, viene impiegata per finanziare servizi che, a livello nazionale, la Gilda degli Insegnanti offre ai propri associati, perchè a norma dell’art. 6 dello Statuto dell’Associazione: ”Tutti gli incarichi elettivi sono esenti da compensi e indennità”. Ciò significa che i dirigenti sindacali della Gilda degli Insegnanti, per quanto riguarda le funzioni relative al loro incarico elettivo, non percepiscono alcun compenso, fatto salvo il rimborso spese.

I servizi offerti dalla Gilda nazionale agli iscritti
La Gilda nazionale fornisce, gratuitamente, ai propri iscritti diversi servizi. Prima di tutto, un’assicurazione che copre la responsabilità civile degli iscritti alla Gilda degli Insegnanti (riguarda i danni arrecati direttamente alla pubblica amministrazione o a terzi in conseguenza a comportamenti degli alunni trovantisi sotto la responsabilità degli assicurati stessi) e gli infortuni durante lo svolgimento delle attività professionali (compreso il tempo -entro l’ora- per percorrere il tragitto casa-scuola). Poi la convenzione nazionale con il circuito Amica card (la card fa anche da tessera associativa nominale) che riserva agli associati sconti sugli acquisti in ristoranti, teatri, dentisti, avvocati, abbigliamento, articoli regalo, strutture turistiche, tour operator e tanto altro ancora (sul sito www.gildains.it si trovano le specifiche della convenzioni).

Inoltre, negli ultimi anni, un investimento significativo è costituito dai mezzi di comunicazione come Professione docente, GildaTv, gli opuscoli divulgativi e informativi e i siti web. L’investimento nei mezzi di comunicazione è una scelta strategica dell’Associazione perchè ci dota degli strumenti necessari a condurre la battaglia culturale per la promozione della professione docente per la quale la Gilda è nata nel 1988 e consente la partecipazione di ogni iscritto al dibattito e alla riflessione sull’attività dell’Associazione attraverso la conoscenza delle idee e delle proposte che caratterizzano la Gilda degli Insegnanti.

Un importante investimento si è realizzato anche con la costituzione dei dipartimenti della Direzione nazionale, come previsto dallo Statuto, i quali sono attrezzati per fornire ai responsabili e ai direttivi delle Gilde provinciali supporto e assistenza in materia di consulenza generale, assistenza legale, sviluppo e crescita, formazione sindacale, precari, rsu, pensioni, convegni e assemblee, propaganda.

In conclusione, quindi, l’approvazione democratica dei bilanci della Gilda degli Insegnanti diventa per l’Associazione occasione di reale trasparenza dei conti e di partecipazione da parte di tutti i delegati provinciali alle scelte strategiche del sindacato.

ALLEGATI