Abbandonare insieme la traiettoria dell’austerità e della paura, e ritornare padroni del credito

Intervento di Flavio Tabanelli, membro della Direzione Provinciale della Gilda degli Insegnanti di Modena, il primo giorno del Congresso Nazionale di Perugia, 20 maggio 2016.

Quattro anni fa pubblicammo sul bollettino degli associati [Professione Docente] un mio articolo in cui presentavo la proposta di separazione bancaria, per smettere di salvare gli speculatori e ritornare a investire in economia produttiva, reale, e dunque anche [in] ospedali, scuole.

Continua a leggere

ASSEMBLEA CONGRESSUALE della GILDA di MODENA, 6 maggio 2016

Cari Colleghi,

si avvicina la data del nostro congresso provinciale fissato per il 6 maggio 2016.

La comunicazione di assemblea è stata spedita per fax o per e-mail a tutte le scuole nelle giornate di ieri e di oggi.

Segnalateci al più presto eventuali ritardi od omissioni nell’esposizione della comunicazione alla firma di tutti i docenti.
Continua a leggere

Un piano straordinario “allucinante”

Come la Gilda degli insegnanti ha affermato più volte, questo piano di assunzioni non risolverà il problema del precariato né migliorerà la qualità del nostro sistema scolastico
di Antonio Antonazzo

Da Professione Docente 

04 Settembre 2015 (2.1 MiB)

Con la fiducia dell’intero Parlamento e la sfiducia di tutto il mondo della scuola, alla fine la cosiddetta “Buona scuola” è diventata legge dello Stato e, finché non interverranno modifiche legislative, con la legge 107 bisognerà fare i conti.
E’ paradossale che a fronte di un cospicuo numero di assunzioni così elevato ( circa 100.000 ) il mondo del precariato abbia risposto con rabbia e indignazione nei confronti del piano di assunzioni proposto dal Governo.
Il motivo di un dissenso così diffuso deriva da una procedura di assunzioni che tratta i docenti precari come semplici numeri senza tener conto che per la maggior parte dei casi, si tratta di persone con famiglia e responsabilità che vincolano conseguentemente le loro scelte di vita.
Infatti, il piano straordinario di assunzioni è suddiviso in due fasi ben distinte. Una fase provinciale/regionale per la quale valgono sostanzialmente le vecchie regole (in particolare la ripartizione al 50% dei posti tra le GAE e le graduatorie del concorso ordinario) e una fase nazionale tutta da scoprire e che rischia di sconvolgere la vita di decine di migliaia di precari. Le due fasi in questione possono essere a loro volta suddivise in due sottofasi, ragion per cui nei media si sente parlare di Fase 0 e Fase A ( provinciale/regionale) , di Fase B e C ( nazionale ).
La prima fase del piano si è conclusa entro la metà di agosto.
Continua a leggere

Chiusura della sede per ferie

Cari Colleghi, per ragioni di salute di chi vi opera, la sede della Gilda di Modena chiude per ferie da oggi pomeriggio 11 agosto al 17 agosto compreso.

Riaprirà regolarmente alle ore 15 di martedì 18 agosto.

Per le estreme urgenze inviare messaggio al numero 338 7235283.

Buon ferragosto.
gildamodena

Riforma scuola, Gilda lancia appello per referendum abrogativo

Di una legge che lede profondamente i principi sui quali dovrebbe essere fondata la scuola pubblica statale
Fonte: http://www.gildains.it/

Lanciamo un appello ad associazioni, forze politiche e sindacali per organizzare a settembre un incontro pubblico nazionale a Roma in cui discutere la costituzione di un comitato promotore referendario contro la riforma della scuola“.

A proporre l´iniziativa, nel giorno in cui entra in vigore la legge n.107/2015 cosiddetta “La Buona Scuola“, è la Gilda degli Insegnanti.

Come abbiamo ribadito più volte nel corso dell´ultimo anno, – spiega il coordinatore nazionale Rino Di Meglio riteniamo che questa legge leda profondamente i principi sui quali dovrebbe essere fondata la scuola pubblica statale“.
Continua a leggere

Professione docente: on line l´edizione di maggio

“Nell´Italia degli Schettino e dei capetti improvvisati vogliono fare anche del preside un piccolo boss di paese: gli danno infatti il potere e la responsabilità di assumere docenti per cooptazione”. (Francesco Merlo)

  • RSU: grande soddisfazione ma la libertà di tutti i docenti è in pericolo. Di Rino Di Meglio
  • Cui prodest? Di Renza Bertuzzi
  • Tutti uniti e concordi: non è buona questa scuola. Di Gianluigi Dotti 
  • Un mostro giuridico chiamato “#labuonascuola”
    I numeri ballerini, le promesse mancate, le esclusioni. Di Antonio Antonazzo 
  • 500 euro. Per farne cosa? Di Fabrizio Reberschegg
  • Organico dell´autonomia: è la fine della mobilità dei docenti? Di Fabrizio Reberschegg
  • Formazione obbligatoria: cui prodest? Di Fabrizio Reberschegg
03 Maggio 2015 (1.9 MiB, 768 downloads)