Prima e oltre la lettera dei 600 docenti universitarî “Contro il declino dell’italiano a scuola”

Riportiamo la trascrizione di un intervento all’odierno “Filo Diretto” della trasmissione di Radio Rai 3 “Prima Pagina” del nostro dirigente provinciale Flavio Tabanelli in merito alla lettera aperta dei seicento docenti universitarî indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri, alla Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e al Parlamento, per sollevare finalmente un problema di sostanza della scuola: quello della irresponsabile trascuratezza nell’uso della nostra lingua.

Continua a leggere

Organico per il potenziamento: linee di orientamento per il corretto utilizzo

Le organizzazioni sindacali mettono unitariamente a disposizione un documento e una scheda di lettura
Fonte: http://www.gildains.it/

Premessa

Terminate le assunzioni della cosiddetta fase C, tutte le scuole sono alle prese con l´utilizzazione del personale docente assegnato sui posti di organico aggiuntivo per le finalità di cui al comma 7 della Legge 107/15 (posti per il potenziamento).

L´avvio di quello che sarà l´organico dell´autonomia, cuore della riforma e dei suoi contenuti innovatori, sta creando non poca confusione e certamente sembra aggiungere nuovi problemi anziché risolvere quelli già presenti nelle scuole.
Continua a leggere

Ambiti territoriali: dal MIUR criteri inaccettabili, di male in peggio

La Fgu-Gilda degli Insegnanti commenta l´esito dell´incontro che si è svolto questa mattina a viale Trastevere
Fonte: http://www.gildains.it/

“Contestiamo con forza la definizione degli ambiti territoriali che ci è stata illustrata questa mattina al Miur”. Così la Fgu-Gilda degli Insegnanti commenta l´esito dell´incontro che si è svolto a viale Trastevere su ambiti territoriali e mobilità.

“I criteri che il tavolo tecnico del Miur avrebbe predisposto per la costituzione degli ambiti – spiega la delegazione del sindacato che ha partecipato all´incontro – rappresentano una grave minaccia per il diritto dei docenti alla titolarità della cattedra nella propria scuola. E´ chiaro che i parametri individuati dal ministero sono funzionali alla chiamata diretta degli insegnanti da parte dei dirigenti scolastici, uno dei pilastri su cui si fonda la legge 107 e contro cui continueremo a batterci con ogni strumento possibile”.
Continua a leggere

Bonus 500 euro: diffuse le istruzioni operative

Sarà erogato entro il mese di ottobre 2015 medianti ordini collettivi di pagamento attraverso il sistema NoiPA
Fonte: http://www.gildains.it/

Il Miur con nota prot. 15219 del 15 ottobre 2015 ha trasmesso il D.P.C.M. del 23 settembre 2015 e alcune indicazioni relative ai criteri e alle modalità di assegnazione e utilizzo della “Carta del docente” prevista dall´art. 1, comma 121, della legge 107/2015.

Nelle more dell´attivazione della “Carta” medesima, per l´a.s. 2015/16 l´importo corrispondente di € 500,00 è erogato entro il mese di ottobre 2015 per i docenti già di ruolo (compresi i neo-assunti dal 1° settembre 2015), medianti ordini collettivi di pagamento attraverso il sistema NoiPA. Per i docenti assunti dopo il 1° settembre 2015 l´erogazione dell´importo sarà effettuata entro 20 giorni dalla trasmissione dei nominativi al sistema NoiPA. La somma sarà assegnata per intero anche in caso di assunzione del servizio ad anno scolastico iniziato.
Continua a leggere

Supplenze brevi: la nota di chiarimenti del Miur

Una nota che conferma purtroppo la nostra previsione: l´organico potenziato sarà in realtà l´organico dei tappabuchi
Fonte: http://www.gildains.it/

Il Miur ha diffuso in data 30 settembre la nota prot. 2116 con la quale, dopo le insistenti sollecitazioni di tutte le organizzazioni sindacali e l´incontro unitario del 23 settembre scorso, fornisce indicazioni circa il divieto di assunzione dei supplenti previsto dalla legge di stabilità 2015 per il primo giorno di assenza dei docenti.

Per i docenti si conferma quanto già previsto nella legge: il divieto di nomina per il primo giorno di assenza può non essere rispettato in tutti i casi nei quali non è possibile garantire “la tutela e la garanzia dell´offerta formativa” (comma 333, legge 190/14). Nella nota di rimanda comunque alla possibilità di utilizzo, per tali sostituzioni, dell´organico del potenziamento, una volta che sarà assegnato alle istituzioni scolastiche, a conclusione del piano straordinario di assunzioni.
Continua a leggere

Alcune considerazioni sul merito e sul demerito nella scuola. Quello che nessuno dice o ha il coraggio di dire

Di fatto si preferisce che sia la logica impersonale del mercato o personalissima del dirigente-capo a decidere merito e demerito e non si mira a rafforzare il concetto di responsabilità professionale
di Fabrizio Reberschegg
Da Professione Docente 

04 Settembre 2015 (2.1 MiB)

Da almeno 20 anni si è imposta diffusamente l’ideologia della cosiddetta meritocrazia. Tralasciando gli aspetti critici tecnici ed epistemologici (il potere del merito purtroppo non esiste in nessun sistema sociale esistente..), il concetto di merito è stato utilizzato per costruire una “scienza” con caratteristiche apparentemente oggettive fondata su test, verifiche, relazioni, report, griglie di valutazione, analisi di costi-benefici, ecc. che affida il vero potere ai valutatori, una sorta di aristocrazia tecnocratica che decide, in applicazione degli algoritmi adottati nei processi di valutazione, merito e non merito, buono e cattivo nei sistemi di produzione. A nulla valgono le evidenti storture, gli errori e le aporie nei processi di valutazione “oggettiva”. Si pensi solo alle imbarazzanti performance delle società di rating durante la crisi economica attuale e che continuano a dare voti e pagelle alle economie dei paesi del mondo. Esibendo in ciò presunte valutazioni oggettive la cui base è determinata da un’ unica visione del sistema economico basata su semplici convenzioni (si veda la centralità del PIL nelle dinamiche del ciclo economico). Continua a leggere